Lo spartiacque, ovvero teoria del sesso occasionale dopo la fine di una relazione

[TRACK #37: Loretta Goggi, Dirtelo, non dirtelo]

Stamattina, appena sveglio, ma con la mascherina ancora calata sugli occhi, è squillato il cordless. L’ho cercato a lungo tra le lenzuola, pensando che devo assolutamente smetterla di dormire con il telefono sotto il cuscino.

Pronto? Chi è?

Era la mia amica B. in preda a una crisi di pianto: “Mi ha lasciato”, è la prima frase di senso compiuto che sono riuscito a captare tra i tanti singhiozzi.

Inutile indugiare sui particolari, quella di B. è una comunissima  – quanto tragica – storia sentimentale non a lieto fine: lei è un’inguaribile romantica che sogna il matrimonio perfetto (e ad oggi siamo a quota tre!), mentre lui è l’ennesimo maschilista incapace di impegnarsi e di prendere una decisione chiara… ovvero il classico tipo che chiude ogni relazione dicendo “Non è per te, ma per me”. In sintesi estrema, un grandissimo stronzo!

In certi casi, che fare? Solitamente il compito di ogni migliore amico che si rispetti è quello di lasciar sfogare la povera Cenerentola tornata colf e, se possibile, di darle qualche timido consiglio… Questo, appunto, è quel che farebbe una persona normale, ma io non sono tanto normale. Per cui, la prima cosa che faccio è insultare B.

“Sei una cretina, te lo avevo detto che non era per te. Con tutti quelli che ti girano intorno, ti sei presa il peggior stronzo possibile”.

E questo è il primo errore commesso in giornata: far piangere ancor di più un’amica già in lacrime. Come rimediare? Con un consiglio ben ponderato e una virtuale pacca sulle spalle? Macché, tutt’altro: io non so dare consigli di buon senso. E quindi eccomi a snocciolare nella cornetta la mia personale teoria dello spartiacque. Tutto comincia con un secco:

“Tesoro, tu hai bisogno di un po’ di sano sesso occasionale. Non c’è niente di meglio per dimenticare uno stronzo”.

Secondo errore commesso in giornata: ripetere per la terza volta di seguito la parola “stronzo” con riferimento all’uomo tanto amato da B.

[perdonami, amica, non ho neppure preso il caffè]

Terzo errore commesso in giornata: consigliare a una donna in preda a una crisi d’abbandono di abbandonarsi tra le braccia del primo che incontra.

[ma cos’ho in testa oggi, le pigne?]

Comunque, tornando a noi, io sono fermamente convinto della validità della mia teoria. La espongo di seguito:

Per dimenticare in fretta e senza il rischio di ricadute uno stronzo (e siamo a quota quattro!), occorre trovare al più presto un bellimbusto non necessariamente pensate e… concedersi!

Questo è quel che io chiamo lo spartiacque, ovvero un uomo chiamato a rispondere semplicemente all’avvertita esigenza di una linea di confine tra la vecchia storia appena conclusa e il futuro. Non è necessario che sia una persona conosciuta e affidabile: meglio se lo spartiacque è un perfetto sconosciuto. Con lui non dobbiamo instaurare un legame affettivo o gettare le basi per una nuova relazione: da lui cerchiamo solo e soltanto sesso occasionale. E buon sesso, se possibile.

Questo perché, alla fine di una relazione, la cosa che ci tiene ancora legati allo stronzo di turno (e cinque!) è un laccio non soltanto emotivo, ma soprattutto fisico. E, dunque, meglio romperlo fin da subito.

Non so se possa suonare convincente ai più, la mia teoria. Posso, però, dire che per me ha sempre funzionato. E, per di più, studiosi e ricercatori lo confermano: il sesso occasionale fa bene all’autostima.

È per questa ragione che io consiglio e continuerò a consigliare fino alla fine dei miei giorni a tutte le amiche sedotte e abbandonate che conosco e che conoscerò di concedersi una sana scopata dimenticatoria e liberatoria.

Come dire, se cadi da cavallo è meglio tornare al più presto a cavalcare!

Sintesi del post: Vi prego di perdonare le due o tre parolacce che mi sono concesso in questo articolo, ma non ho ancora preso il caffè.

😦

Annunci

One thought on “Lo spartiacque, ovvero teoria del sesso occasionale dopo la fine di una relazione

  1. Pingback: FLASHBACK#8 Dopo l’amore, solo l’ormone! | iopiuditutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...